sabato 12 dicembre 2009

E Narciso combina guai

Questo post può apparire fuori luogo per il blog, o comunque trattare una tematica pruriginosa e di facile presa sui lettori. In realtà credo consenta degli spunti per una riflessione più approfondita.
E' uscito da poco un film della casa di produzione hard Bel Ami in cui hanno un ruolo due fratelli gemelli omozigoti, Elijah e Milo Peters.


Già in passato i due fratelli avevano rivestito un ruolo in pellicole della casa di produzione, ma in un ultimo lungometraggio Buddies1, hanno valicato i limiti dell'incesto. Nel finale del film infatti, c'è una scena nella quale si "esibiscono" in un vero e proprio rapporto sessuale. Il film ha avuto l'ostracismo di tutti gli organi di controllo e delle censure di tutti i paesi nei quali è stata chiesta l'autorizzazione alla distribuzione. In Gran Bretagna la condizione imposta all'autorizzazione è stata il taglio della scena incestuosa.

Facendo una piccola ricerca sul web scopro che il fenomeno dei gemelli, entrambi gay, entrambi impegnati su set cinematografici hard, è molto diffuso. Non è possibile sapere se nella loro vita privata questi attori-gemelli abbiano tra di loro dei rapporti incestuosi. Quello che è certo e che i fratelli Peters hanno dichiarato in risposta alle polemiche conseguenti all'uscita del film: "Non capiamo il clamore per questa vicenda. Abbiamo portato sul set esattamente quello che facciamo tra di noi nella nostra casa. Dov'è lo scandalo?"

Non azzardo nessun giudizio morale sulla vicenda. Magari lascio a voi il commento. Mi chiedo solo quanto incida in queste "scelte", la possibilità di amare fisicamente un altro se stesso. Gli psichiatri ne avrebbero da scrivere.


7 commenti:

Dudù ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dudù ha detto...

Io non capisco perchè l'incesto debba considerarsi un atto di vilipendio alla morale visto che ognuno ha la propria. Mah, se non hanno problemi loro non vedo perchè debbano crearseli e crearli gli altri. In una puntata di Nip and Tuck, tempo fa, Matt fa sesso con una ragazza che scopre successivamente essere sua sorella... mai visti, mai frequentati, si percepiscono entrambi come due perfetti sconosciuti ma siccome la legge vieta l'incesto non possono più frequentarsi. Non so quanto possa considerarsi vera l'ipotesi che accoppiamenti del genere possano generale disabilità o, in generale, anomalie... ma se questo non sussiste mi chiedo perchè questo tipo di incesto debba essere condannato.

Beniamino ha detto...

Quoto Dudù...magari al novanta per cento, ma fondamentalmente la sua linea di giudizio non fa una piega. I dieci centesimi che restano fuori da una mia totale approvazione sono da ricondurre all' esigenza di essere meno riduttivi e più profondi nell'approccio ad una tematica di tale peso. Nel senso che, magari, se sappiamo che la persona con cui facciamo sesso è nostro fratello e lo facciamo comunque vuol dire che in qualche modo qualcosa di alterato in noi c'è...ma è proprio quell'alterazione che non ci dovrebbe preoccupare! Se il tutto è ben controllato, non ci scompensa dentro, non produce effetti devastanti in noi...non vedo perchè dovrebbe irritare gli altri. Poi, diciamocelo, se io fossi così bello, vorrei fare sesso almeno con uno bello quanto me!!! :-)

P.S. In questo mio sgangherato ed inconsistente intervento stavo per collegarmi a The Dreamers, ma poi ho ricordato che quella storia non ebbe decisamente un lieto fine e ho desistito dalla facile citazione!!! :-)

Anonimo ha detto...

e del sesso con le caprette? vogliamo parlarne?

beeeeee beeeeeeeeeeeeeeee

Dudù ha detto...

Ahahhaahahah... HAHAHAHAHAHAHAH

Gios ha detto...

be se a loro piace scoparsi... fatti loro :D che male fanno?! mica li costringono...

Asa_Ashel ha detto...

La cosa curiosa è che più la censura cerca di intervenire e più la cosa trova eco e diffusione, anche su questo ci sarebbe molto da dire.
L'incesto fa parte dei tabù culturali, nati magari con l'idea di evitare certe degenerazioni e finiti per essere in qualche modo innominabili senza volerne capire le ragioni. Sono dell'idea comunque che quello tra due gemelli sia un caso a sè, perché è ormai assodato che il rapporto tra due gemelli sia diverso da quello che lega due fratelli non gemelli.
E poi, ricollegandomi a quanto da loro detto, perché dobrebbero vergognarsi di questo e non del fatto di esibirsi in rapporti sessuali con partners sempre diversi e "sotto gli occhi" di tutti?
Le paranoie che si sviluppano nell'animo umano a causa del sesso mi lasciano sempre un po' sorpreso.